Come liberarsi dalle ansie. L'albero delle preoccupazioni

"Le preoccupazioni consentono alle piccole cose di proiettare delle ombre molto lunghe" (proverbio svedese)

Siamo spesso oppressi da mille preoccupazioni.
Può essere il denaro che sembra non bastare mai, o gli stress sul lavoro, o questioni di cuore con il partner, o molti altri motivi...
Poco importa, ognuno di noi ha la propria “collezione” di piccoli problemi e preoccupazioni.
Non sorprende che alcune persone se le portino persino dietro anche quando sono in vacanza, nel fine settimana, nel tempo libero, senza "staccare" mai.

Come si possono affrontare queste situazioni?
Lascia che ti racconti una storiella letta recentemente.
gallucci psicologo torino
"Una volta, un ricco mercante assunse un falegname perché ristrutturasse una vecchia casa colonica. Dal momento che il commerciate era una di quelle persone che amano avere tutto sotto controllo e temeva che il lavoro non venisse fatto bene, decise di passare una giornata in casa per vedere come procedeva il lavoro.

Alla fine della giornata si rese conto che il falegname aveva lavorato sodo, anche se aveva dovuto affrontare parecchi imprevisti. Per concludere la sfortunata giornata, l’auto del falegname si ruppe e il mercante si offrì di portarlo a casa.

Il falegname non disse una parola per tutta la strada, visibilmente arrabbiato e preoccupato per tutti i contrattempi che aveva avuto durante la giornata. Tuttavia, una volta giunti a casa sua il falegname invitò il commerciante a conoscere la sua famiglia e gli chiese di restare a cena, ma prima di aprire la porta, si fermò di fronte a un piccolo albero e accarezzò i suoi rami per alcuni minuti.

Quando aprì la porta ed entrò in casa, la trasformazione era stata radicale: sembrava un uomo felice. La cena trascorse tra risa amabili e una conversazione animata. A tarda notte, il falegname accompagnò il commerciante alla sua auto. Quando passarono davanti all'albero, questi gli chiese:

- Cos'ha di speciale questo albero? Prima di entrare sembravi arrabbiato e preoccupato e dopo averlo toccato ti sei trasformato in un altro uomo.

- Questo è l'Albero delle preoccupazioni - rispose il falegname. Io sono consapevole che non posso evitare tutti i problemi sul lavoro, ma non c'è alcun bisogno di portare le mie preoccupazioni a casa. Quando tocco i rami di quest’albero scarico su di loro le preoccupazioni per riprenderle la mattina dopo, quando tornerò a lavorare. La cosa interessante è che ogni mattina ritrovo meno preoccupazioni di quelle che ho lasciato il giorno prima!".


L’Albero delle preoccupazioni della storia non è altro che un rituale, ma ci sono molte altre alternative: ascoltare musica, fare una piccola passeggiata, o praticare meditazione o rilassamento.

Ciò che conta è scoprire il rituale adatto a noi che ci aiuti a liberarci dalle preoccupazioni, almeno temporaneamente.
All'inizio sarà difficile, ma una volta automatico sarà molto più facile.

Ed è probabile che quando le torneremo ad affrontare, saranno meno minacciose di quanto apparissero in un primo momento.

Come diceva Napoleone: "Liberati dalle preoccupazioni, come ti liberi dei vestiti prima di andare a letto".


Se ti è piaciuto questo post e vuoi essere sempre aggiornato su argomenti che esplorano il benessere psicologico ed emotivo, puoi seguirmi sulla mia Pagina Facebook oppure scrivermi una email a pierluigi.gallucci@gmail.com