6 cose da ricordare per gestire meglio la rabbia

Quando la realtà non soddisfa le nostre aspettative, proviamo inevitabilmente una sensazione di fastidio e insoddisfazione.
Spesso la rabbia è la reazione naturale del nostro organismo in molte situazioni, quando non abbiamo più le risorse cognitive ed emotive per affrontare una difficoltà.
Non rappresenta quindi qualcosa di sbagliato in sé, può diventare invece problematica quando è frequente e incontrollabile.

È il caso per esempio delle persone che vogliono sempre avere ragione, che non riescono ad affrontare le frustrazioni e si comportano come bambini capricciosi.
L’approccio infantile è quello di sfogarsi con scatti d'ira più o meno violenti contro qualcosa o qualcuno.

Vediamo insieme alcuni punti per gestire meglio la rabbia.

gallucci psicologo torino

1. Respira
Prima di arrivare al punto di esplosione, fermati, respira e lascia riequilibrare corpo e mente.

2. Esprimi pensieri ed emozioni
Gestire la rabbia non significa nasconderla o reprimerla, significa trovare un modo più utile per esprimere ciò che si pensa e si sente.
Urlare parole e distruggere cose non serve a niente. Esprimersi e parlare con l'Altro rimane sempre la strada più costruttiva.

3. Ricorda che la rabbia che provi è tua
Quando si è molto arrabbiati, siamo tutti rivolti verso l’esterno: c'è solo l’Altro oggetto-bersaglio del peggio, noi scompariamo, siamo accecati. Comincia ad essere consapevole che sei arrabbiato, che è una tua emozione, ad ascoltare che ci sei anche tu.

4. Evita di generalizzare
Il modo più comodo per liberarsi dal peso della frustrazione è buttare tutta la colpa all'esterno.
Tipico è attaccare l'Altro, generalizzando con i sempre, i mai, i sei sempre stato così...
Meglio circoscrivere la rabbia in quel momento e in quella situazione, non alla persona in toto.
Meglio cercare una soluzione che un colpevole.

5. L’esplosione di rabbia è spesso l'esito di un percorso
Difficilmente si esplode di rabbia senza preavviso. Ci arriviamo spesso accumulando pensieri ed emozioni che non hanno avuto la possibilità e lo spazio di essere espressi in precedenza in modo migliore.

6. Esistono sempre più punti di vista
La rabbia tende a polarizzare i vissuti, ad accecare la propria visione delle cose che diventa così assoluta e senza dubbio l'unica corretta. Questo ovviamente è un'illusione, e cercare di cogliere e comprendere il punto di vista dell’altro è sempre fondamentale.

Se ti è piaciuto questo post e vuoi essere sempre aggiornato su argomenti che esplorano il benessere psicologico ed emotivo, puoi seguirmi sulla mia Pagina Facebook oppure scrivermi una email a pierluigi.gallucci@gmail.com